Morte

Siamo corpi, universi paralleli in movimento
brilliamo di luccichii strani, contorti
e moriamo.
Stelle, o pianeti, miti di carta giriamo
sull’ellisse del tempo rimasto.
Rimango sola in questo universo buio.
Stelle lontane da me
brillano fredde, glaciali
Loro anche sono rimaste sole.

Siamo anime, universi paralleli in transito                                                                                che non possono toccarsi né fondersi.
Ma posso riconoscerti,
Sì, posso vederti
e per te pregare per me pregare.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Non classé, poesia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...