Don’t worry_dal Diario Fiorentino

Impostata ad ascoltare la mia voce anziché il Piacere della Presenza all’trui all’altro capo della cornetta del telefono. Per quale étrange motivo bizzarro? La mia voce fa eco, mi Parla dal barrito di un elefante che non ho mai visto in vita mia. Assomiglia al Buco nel quale sono caduta quando ho smesso non d’ascoltare, ma di Sentirti. Credimi, il vuoto si nutre di perle di sudore colorate e abominevoli, crescono nello spazio della carne come escrescenze maligne. Rifuggine! La fuliggine incrosta le mie Parole bagnate d’Alchermess, quel buon liquore dolce delle mie estati. All’improvviso la Musica mi alleggerisce, mi fa Sorridere con la Bellezza incollata alla Bocca. Non posso smettere di sorridere.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...